SUDAFRICA

Non è un viaggio economico, ma assolutamente fattibile per una persona su sedia a rotelle. Nel 2017 sono stato in Austria e Sudafrica; il viaggio in Austria è stato molto più disagevole per alcune strutture non adeguate e gli austriaci meno ospitali.
L’unico disagio per il Sudafrica è il viaggio molto lungo: non esiste un volo diretto, ma nulla di insopportabile se si sistema il cuscino della propria sedia tra sedile e il proprio sedere. Io ci sono andato a metà ottobre, cioè quando là era l’inizio della primavera: un buon compromesso tra temperatura, bel tempo e sole. Il mio viaggio si è composto di due parti: un safari nel parco del Kruger (parco nazionale un po’ spartano, ma tutto completamente accessibile) nel nord-est del Paese e un soggiorno a Città del Capo e dintorni raggiunta con un volo interno.

In questo viaggio mi sono appoggiato a una guida che vive in loco ma di origine italiana: Simone Basini, che ha fondato con la sua compagna Stefania un’agenzia di viaggi: La mia Africa (cellulare: +27(0)742946749, mail: stefania@lamiafrica.com)

2 grandi e 2 piccole