“Qualcosa di Nuovo” EPISODIO 12

  • 0

“Qualcosa di Nuovo” EPISODIO 12

Da principio si sentirono ancora, dandosi la possibilità di raccontarsi le rispettive storie che stavano nascendo e che da lì a qualche anno si sarebbero dimostrate importanti, ma che da lì a diversi anni sarebbero anche finite.

Quello spazio, sempre più piccolo, che si ritagliarono, diede a Stefano la possibilità di venire a conoscenza (ritrovandosi come un po’ arrabbiato per due ragioni: la prima era dettata dall’invidia, infatti avrebbe voluto farlo lui, e la seconda era perché non si capacitava che esistessero uomini con così poca eleganza e delicatezza) del fatto che al primo appuntamento il nuovo amico di Francesca le piazzò subito le mani sulle tette.

Quello spazio clandestino che si erano ritagliati non faceva molto onore a nessuno dei due, ma non faceva neanche male a nessuno, in quanto avevano smesso di coccolarsi con il sesso virtuale. Tuttavia non era neanche così tanto onesto, tanto è vero che non lo dissero mai ai loro rispettivi ragazzi e poi con i loro rispettivi non parlarono mai dei loro veri sentimenti provati per quelle entità non bene classificabili.

Comunque il tempo, i chilometri che lì separavano, il non essersi mai incontrati di persona (che dava loro una dimensione quasi mitologica) e la nuova persona che entrambi avevano al loro fianco, permise a Francesca e a Stefano di attenuare il ricordo che entrambi custodivano di quella strana quanto intensa amicizia.

Da principio non si sentirono più, solamente, in modo frequente e regolare, poi più avanti sempre meno e infine non si sentirono più. Le loro chiacchierate non furono mai ricche di silenzi, non furono mai stentate, ma a entrambi sembravano poco oneste quelle telefonate così piacevoli, nei confronti dei tipi che nel frattempo erano diventati i loro rispettivi ragazzi.

Non fu il caso di Stefano, ma per colpa di quel mancato incontro Francesca visse con altri uomini quasi tutte le sue prime volte. Non sto dicendo che in questo caso non fossero state altrettanto belle e piacevoli, non sto dicendo che se non con Stefano non furono altrettanto coinvolgenti o che il corpo di lei non chiedesse di farle ancora con uomini che non fossero lui (stesso discorso era molto simile per Stefano), ma sto dicendo che forse per paura non si diedero la possibilità di vivere qualcosa che sulla carta sapeva di molto buono. Diciamo che da quel giorno vissero con il rimpianto di non aver assaggiato una cosa che aveva un buonissimo profumo.

Da lì a otto anni si ritrovarono ad essere nuovamente entrambi single, per entrambi finirono le rispettive relazioni. Non sono qui per raccontare le ragioni per le quali quelle relazioni finirono, vi dirò solo che anche grazie a quella loro giovanile relazione virtuale trovarono il coraggio di stare soli e di rinunciare a qualcosa che non li faceva più stare bene. Quindi trovarono la forza di non rimanere in quella che poteva sembrare una comoda abitudine, sacrificata sull’altare della felicità.

2 grandi e 2 piccole


Leave a Reply